Articoli marcati con tag ‘mente’

“Insegniamo ai bambini a cambiare nel futuro che cambia”. Intervento alla Camera

    P_camera

    Mercoledì 15 novembre Patrizio Paoletti in qualità di Presidente della Fondazione omonima ha partecipato alla conferenza “Italia: poveri bambini. Per una definizione di bisogno che riscriva le regole dell’aiuto” presso la Camera dei Deputati.

    Una riflessione su come sia possibile affrontare questa povertà: sui bisogni dell’infanzia, su quali siano le priorità e quale il panorama delle misure a garanzia dei bambini in stato di indigenza. Tanti gli interventi: il Vice-presidente parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza, On. Sandra Zampa e l’Autorità Garante Nazionale per l’InfanziaFilomena Albano.

    Paoletti è intervenuto con un contributo dal titolo “La povertà come abito della mente”“Non è possibile pensare di rispondere con una sola azione alla povertà. C’è bisogno di un approccio integrato, perchè la povertà porta con sé un problema più esteso, chiama più parti in causa e ha necessità di una risposta di insieme che faccia la differenza”.

    “La nostra vera ambizione deve diventare quella di dare una vita felice alle persone, molto di più che farle sopravvivere. Una vita felice è una vita gratificante, ricca. Possiamo farlo lavorando sull’ambiente. Sono gli ambienti che dominando sulla crescita del bambino: il bambino impara lì dove vive. Dobbiamo quindi portare la nostra attenzione alle abitudini e alle manifestazioni nella quali la crescita si svolge. Sollecitare l’eccellenza, certificare le tappe dello sviluppo del bambino attraverso un sistema comportamentale che non sia Sollecitazione-Risposta reattiva, ma che conservi il tempo della comprensione: Sollecitazione-Comprensione-Risposta. Daremo al bambino capacità di scelta se il bambino avrà imparato insieme a noi a immaginarsi cambiare nel futuro che cambia.”

    Paoletti ha sottolineato come oggi, anche grazie alle neuroscienze, abbiamo la straordinaria occasione di studiare i nostri processi interiori, che sono il motore della nostra capacità di prefigurare il futuro. “Rita Levi Montalcini ci ha lasciato incitandoci a dedicarci alla crescita dell’area valutativa del nostro cervello, l’unica capace di risanarci e migliorare la nostra società. I lobi prefrontali sono la sede della nostra capacità di prefigurazione, di cambiare nel mondo che cambia. Se oggi impariamo a prefigurare ciò che potrebbe accadere domani, saremo pronti a dare risposte più efficaci, anche a macro-problemi come la povertà”. In questo lavoro di pianificazione di una risposta, ha detto Paoletti, giocano un ruolo importantissimo le emozioni. Solo attraverso l’impegno e la continuità possiamo ridurre le nostre oscillazioni emozionali, che portano con sé frustrazione, rabbia, violenza e la rottura con l’altro. Dobbiamo allenarci a una gestione delle emozioni, all’espressione piena delle 5 caratteristiche dell’intelligenza emotiva: consapevolezza di sé, dominio di sé, motivazione, empatia, abilità sociali.

    L’evento è stato promosso da “L’Albero della Vita” insieme a “Human Foundation”, il Consiglio nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali, l’ “Alleanza contro la povertà in Italia” e in collaborazione con la Commissione parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza.

    Secondo i dati Istat relativi al 2016, in Italia 1 milione e 292mila bambini vivono in povertà assoluta, il 12,5% (contro il 10,9% degli under 18 nel 2015 e il 3,9% nel 2005), mentre è il 26,8% delle famiglie con tre o più bambini a trovarsi in questa condizione (dal 18,3% del 2015).

    A Gerusalemme con Patrizio Paoletti per indagare “I Misteri della Mente”

      Gerusalemme, 19 giugno 2014 – La ricerca neuro scientifica in pochi anni è arrivata a scoperte sulla nostra struttura cerebrale che rivoluzionano la nostra idea di noi stessi, ma cosa sappiamo della nostra mente? La mente è il cervello? È solo la struttura cerebrale con i suoi meccanismi a fare di noi ciò che siamo o c’è anche qualcos’altro? Patrizio Paoletti oggi e domani condurrà il seminar “Mystery of the Mind” a Gerusalemme per esplorare i nostri potenziali e sorprendere noi stessi con la più sofisticata macchina presente sulla Terra, il cervello umano.

      Partendo dai principi definiti negli ultimi anni dalla ricerca, attraverso una serie di contributi provenienti dai più avanzati centri di indagine, Paoletti accompagnerà i partecipanti a scoprire alcune delle meraviglie immediatamente a disposizione di ciascuno di noi per conseguire nel quotidiano nuovi stati di benessere e soddisfazione personali e di insieme.

      “Myestery of the Mind” a Gerusalemme segna una nuova tappa del tour internazionale di Patrizio Paoletti, con partecipanti provenienti da Israele, Palestina, Italia, USA, South Africa e non solo.

      Il prossimo appuntamento di terrà a New York il 29 giugno, maggiori informazioni su: www.internationaltour.org

      L’Intelligenza del Cuore – 2017
      Domande & Risposte – 2016
      Appuntamenti
      Contatti
      Nome
       
      E-Mail
       
      Messaggio
       

      Archivio